Abruzzo oltre al Montepulciano c’è di più

Lo scenario vitivinicolo dell’Abruzzo, quello più “famoso” si sviluppa principalmente sui vitigni più conosciuti, Montepulciano, Trebbiano e Pecorino. Ne esistono però altri meno conosciuti che rivelano le grandi potenzialità di questa regione, specie delle uve a bacca bianca.

Il Montepulciano d’Abruzzo, considerato uno dei grandi vitigni d’Italia, dopo anni di concentrazioni, lunghi affinamenti in legno e alte gradazioni, torna a interpretazioni più varietali, in cui il frutto e la scorrevolezza la fanno da padroni. Vini freschi e dalla beva snella sempre più spesso affinati in acciaio inox o in vasche di cemento. Dallo stesso vitigno, il Cerasuolo d’Abruzzo il rosato per eccellenza, per freschezza, eleganza, struttura e complessità, intensità olfattiva e corpo.

Il Trebbiano d’Abruzzo che ci regala vini freschi, succosi, dalla straordinaria bevibilità, capaci anche di evolvere in complessità e struttura. Il Pecorino da cui nascono vini fragranti, succosi e di bella personalità, come quelli provenienti dagli altri vitigni autoctoni meno famosi ma anche molto interessanti come la Cococciola uva a maturazione tardiva dal colore giallo paglierino scarico, dalla freschezza sostenuta che dura nel tempo e dai tipici aromi erbacei dalla buona persistenza, il Monsonico vitigno anch’esso a maturazione tardiva che predilige ambienti temperati e freschi con sentori di frutta e spezie e di buona struttura e la Malvasia.  

I NOSTRI VINI ABBRUZZESI
Altri Prodotti
CANTINE