Calabria, la regione che possiede il maggior numero di vitigni autoctoni, quella delle perfette condizioni pedoclimatiche, nell’ultimo lembo di italica terra, se “le Calabrie” si chiamavano così, ci sarà pure un motivo, Calabria Ultra e Calabria Citra.

Sono sostanzialmente tre i punti di forza del vino calabrese. Il primo è a Cirò con il Gaglioppo dove un gruppo di giovani produttori, soprannominati “Ciro Boys”, che hanno fatto dell’interpretazione semplice e precisa di quest’uva una bandiera, tipica e caratterizzante e di qualità portando il vino calabrese tra i grandi e cioè dove questa regione merita di stare.

Il secondo sono i vini dolci provenienti dalla piccola Saracena nel cui territorio comunale è ammessa la produzione del Moscato Passito al governo di Saracena(Presidio Slow Food) sopravvissuto grazie ad antichissime e mai dome tradizioni familiari, ma anche del Greco di Bianco ed il Mantonico, prodotti ai piedi dell’Aspromonte con metodi antichi da cui ne derivano passiti mai stucchevoli e di grande fascino ancestrale.

Infine, il Magliocco nella provincia di Cosenza, un vino fantastico dotato di freschezza e  sapidità, che ha fatto la fortuna dell’ultima Doc, Terre di Cosenza, che comprende l’intero territorio amministrativo della provincia di Cosenza e accorpa le sette denominazioni preesistenti come sottozone: Colline del Crati, Condoleo, Donnici, Esaro, Pollino, San Vito di Luzzi, Verbicaro.

Anche sui vini bianchi troviamo prodotti di notevole qualità, specie quelli vinificati con uve autoctone calabresi come il Mantonico, il Pecorello ed il Zibibbo, ne derivano vini aromatici dai sentori fruttati e floreali, ma anche in versione spumantizzata riescono ad esprimersi al meglio.

I NOSTRI VINI DALLA CALABRIA
Altri Prodotti
PRODUTTORI